Con la continua evoluzione della tecnologia di conseguenza mutano le funzioni lavorative, vengono create nuove posizioni di lavoro e vengono richieste nuove competenze. La formazione aziendale gioca un ruolo fondamentale per l’apprendimento continuo dei dipendenti e deve essere la prima ad adattarsi alle tecnologie emergenti.

corsi di formazione in azienda header

Ho un lavoro che mi piace da diversi anni, ho imparato a svolgerlo quando sono entrato nell’azienda e sono bravo. È sufficiente oggigiorno? La risposta è più complicata di così.

Dall’ultimo studio condotto da Capterra, risulta che l’80% dei dipendenti intervistati sente il bisogno di sviluppare nuove competenze per continuare a ricoprire un ruolo fondamentale agli occhi del loro attuale datore di lavoro nel lungo periodo. 

La dirompente entrata nel mondo del lavoro di tecnologie come l’intelligenza artificiale generativa ha portato al bisogno di sviluppare competenze tali per cui è necessario saperle controllare e utilizzare correttamente. Se da un lato c’è la necessità di imparare a usare tecnologie come questa, dall’altro c’è il desiderio da parte dei dipendenti di integrarle nei metodi di apprendimento, così da vederne i benefici reali. 

In questo articolo, Capterra analizza come tecnologie quali l’IA generativa, la realtà aumentata (AR) o la realtà virtuale (VR) possono essere utilizzate per migliorare l’apprendimento online in azienda. Per farlo, sono stati intervistati 1024 dipendenti italiani che hanno accesso a corsi online sul posto di lavoro e che li usano per formarsi; la metodologia completa può essere consultata alla fine dell'articolo.

Inoltre, per approfondire ulteriormente il tema è stato intervistato Niccolò Bossi, managing director alla 24ORE Business school, esperto su tematiche dell’esperienza dell’apprendimento, così da avere la sua opinione sull’utilizzo delle tecnologie emergenti nel campo dell’istruzione online.

Il 98% ritiene importante sviluppare nuove skills per rimanere competitivi

Un detto comune cita: “Non si smette mai di imparare”. Applicarlo alla vita lavorativa è estremamente importante al giorno d’oggi. Nella prima parte dello studio di Capterra emerge, infatti, che il 65% dei dipendenti ritiene che i corsi online siano vantaggiosi sia per loro che per l’azienda per cui lavorano.

Secondo lo studio, il 52% degli intervistati ritiene “molto importante” sviluppare nuove competenze per rimanere competitivi sul mercato del lavoro; il 46% lo ritiene “in qualche modo importante”, mentre il 2% lo ritiene “minimamente importante”. 

Nuove tecnologie e nuove professioni vengono create di continuo, lavori che ieri erano all’ordine del giorno, domani potrebbero non esistere più e viceversa, ruoli di cui non si è mai sentito parlare potrebbero nascere in seguito. 

importanza dello sviluppo di nuove competenze in azienda

Dall’altro lato, le imprese che offrono opportunità di apprendimento attraverso corsi online vengono viste come maggiormente attrattive. L’89% dei rispondenti dichiara che si assicurerebbe di fare domanda per un’azienda che offre corsi online per la formazione; il 33% definitivamente e il 56% probabilmente.

La maggioranza sente la necessità di sviluppare le proprie competenze a fronte della diffusione dell'IA generativa

Con l’arrivo di tecnologie come ChatGPT o DALL-E, tanto le aziende quanto i singoli individui, hanno iniziato a sperimentare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale generativa.

Cos’è l’intelligenza artificiale generativa?

L’IA generativa è una tecnologia in grado di imparare da contenuti già esistenti e di crearne di nuovi e unici. 

Questo avviene grazie all’utilizzo di tecniche come il machine learning, algoritmi che utilizzano i dati per apprendere il comportamento degli esseri umani e poter replicare o creare da zero nuovi contenuti.

Tra gli intervistati, il 64% sente fortemente la necessità di sviluppare le proprie competenze poichè l’IA generativa è in grado di assumere molti compiti; il 27% pensa che gli strumenti di IA generativa non abbiano un impatto sulla necessità o meno di sviluppare le proprie competenze mentre il 7% non lo sa. 

necessità di sviluppare nuove competenze in azienda

A eccezione di coloro che hanno risposto di non saperlo, il 64% dichiara che le proprie priorità di apprendimento sono cambiate e che vorrebbe migliorare o apprendere competenze diverse a seguito dell'integrazione dell'IA generativa nel proprio lavoro.

Secondo i dipendenti che hanno cambiato le loro priorità per quanto riguarda lo sviluppo delle competenze a causa dell'IA, quali sono le aree che vorrebbero sviluppare di più adesso?

Il 57% vuole sviluppare maggiori competenze analitiche

L’IA generativa gioca un ruolo importante nell’analisi dei dati, aiutando a elaborare rapidamente grandi quantità di dati e fornendo risposte in poco tempo. In questo ambito è bene imparare a usare l’IA generativa per insegnarle a cercare le giuste informazioni, e controllare che gli output siano corretti.

Consiglio per le PMI:

L’analisi dei dati è alla base di ogni decisione di business, grazie ad una lettura corretta è possibile decidere quali strategie adottare. 

I software di analisi predittiva aiutano le imprese a prevedere i risultati futuri e scoprire quali azioni intraprendere per raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Il 43% vuole sviluppare maggiori competenze di programmazione

L’IA generativa è in grado di programmare lunghe serie di codici. Anche in questo caso è di fondamentale importanza saper addestrare l’intelligenza artificiale per ottenere risultati coerenti in modo tale da permettere all’’IA generativa di venire in aiuto, semplificando lunghi procedimenti manuali.

Consiglio per le PMI
I programmatori possono fornirsi di strumenti come i software per ambiente di sviluppo integrato (IDE); questi strumenti aiutano ad automatizzare il processo di sviluppo attraverso funzionalità di modifica del codice sorgente, debug e linguaggio multi-codice.

Il 37% vuole sviluppare competenze per lavorare con i sistemi di IA generativa

Gli strumenti di IA generativa possono avere utilizzi totalmente differenti gli uni dagli altri; possono essere utilizzati per creare testi originali, per la creazione di immagini e di audio. Essendo tecnologie utilizzate sempre di più dalle aziende, è importante che i dipendenti sappiano usarle e interagirci nel modo corretto. 

Se nella prima parte dello studio è stata analizzata l’importanza di svolgere dei corsi online, in questa seconda parte vengono messi in luce alcuni metodi in cui i corsi online possono essere creati rimanendo al passo con le nuove tecnologie. Per fare sì che la tecnologia apporti un effettivo valore al business, le aziende devono disporre di regolamentazioni e linee guida sul corretto utilizzo.

Consiglio per le PMI

L’IA generativa, come dice la parola stessa, genera nuovi contenuti e/o dati a partire da esempi già esistenti. Grazie ad algoritmi di machine learning può essere addestrata di continuo per imparare a generare nuove informazioni. 

I software basati sull’IA generativa automatizzano la maggior parte dei processi e sono in grado di creare i risultati che l’utente richiede.

3 tecnologie che possono migliorare la formazione in azienda

Le imprese non devono sottovalutare l’importanza delle tecnologie che possono essere impiegate per offrire formazione in azienda poiché i dipendenti per imparare possono intraprendere azioni differenti: seguire webinar, partecipare a workshop o seguire corsi online. 

Il 62% dei rispondenti afferma di usare piattaforme di apprendimento online almeno una volta al mese; il 21% li usa ogni settimana mentre il 6% ogni giorno. I tradizionali corsi di formazione online non sono l'unico modo per i dipendenti di apprendere nuove competenze. Le nuove tecnologie offrono alle aziende nuove modalità di insegnamento più coinvolgenti. In alcuni casi questi sono integrati nei software LMS tradizionali, mentre altri possono essere forniti utilizzando strumenti dedicati.

Di seguito vengono mostrate tre tecnologie per sviluppare corsi online che possono migliorare la formazione in azienda.

1. Corsi basati sull’intelligenza artificiale

corsi di formazione in azienda basati su intelligenza artificiale

L’IA sta irrompendo in quasi tutti i settori lavorativi ormai, tra questi anche la docenza e la creazione di corsi di formazione. 

Esistono diverse tipologie di intelligenza artificiale, le quali permettono di migliorare l’efficienza in ambiti distinti.

Secondo il Dott. Bossi, intervistato da Capterra, l’IA sta cambiando anche il modo di impartire i corsi di formazione e il modo di lavorare dei docenti, permettendo loro di ottimizzare i processi di progettazione, liberando spazio per attività di valore.

formazione in azienda con uso di intelligenza artificiale

Un esempio portato da Bossi è proprio l’IA applicata all’insegnamento della programmazione. Spiega infatti che per imparare a programmare, soprattutto all’inizio, è necessario un supporto costante da parte di un esperto per guidare e aiutare a risolvere gli errori commessi. Con l’utilizzo dell’IA è possibile automatizzare attività di questo tipo, avendo “agenti virtuali” i quali seguono passo per passo l’apprendimento e le esercitazioni svolte.

Consiglio per le PMI:

I corsi e-learning basati sull’IA utilizzano questa tecnologia per migliorare l’esperienza di apprendimento e facilitarne la fruizione. 

Fornire corsi online che utilizzano l’intelligenza artificiale permette ai dipendenti di migliorare la comprensione del materiale fornito durante le lezioni creando spiegazioni personalizzate. Attraverso questa tecnologia è possibile creare e svolgere test di autovalutazione per verificare il grado di apprendimento di ogni singolo dipendente.

2. Corsi basati su realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (AR)

corsi di formazione in azienda basati su VR e AR

Un altro metodo per impartire lezioni online è attraverso l’utilizzo della realtà virtuale (VR) e della realtà aumentata (AR). 

Il 10% degli intervistati afferma che l’azienda per cui lavora utilizza corsi basati sulla realtà aumentata; il 18% che l’azienda per cui lavora utilizza corsi basata sulla realtà virtuale, mentre il 18% che vengono utilizzate entrambe le tecnologie. 

L’84% dei rispondenti dichiara che sarebbe interessato a utilizzare tali tecnologie nei corsi online, nonostante questo, il 51% dichiara che queste tecnologie non vengono utilizzare per i corsi di formazione dalla propria azienda.

corsi di formazione basati su AR e VR

Secondo coloro la cui azienda utilizza sistemi AR o VR per la formazione aziendale, le aree in cui sono più comunemente utilizzati sono:

  • Training per imparare nuove skills per il 70%
  • Formazione sulle politiche aziendali per il 30%
  • Onboarding per il 19%
Consiglio per le PMI:

Prima di decidere di adottare sistemi di VR o AR per lo sviluppo di corsi online all’interno dell’azienda è bene verificare il beneficio dell’utilizzo di tali strumenti; un uso inappropriato infatti rischia di far perdere risorse all’azienda, e di complicare l’apprendimento stesso. 

Il Dott. Bossi dichiara che i software di realtà virtuale e di realtà aumentata possono essere efficaci per la formazioni per lavori rischiosi, per esempio lavori su impianti ad alta tensioni, o attività manuali che richiedono esercitazioni adeguate, così da potersi cimentare in esercitazioni pratiche in totale sicurezza e a un costo contenuto. 

Bossi pone un dubbio sul beneficio effettivo per quanto riguarda gli ambiti più tradizionali, poiché, per esempio, parte della popolazione può avere dei disagi a usare sistemi come i visori. 

Dichiara però che con il progredire della tecnologia, tali strumenti potranno essere applicati a sempre più settori. 

Non escludo che un domani, con un raffinamento della tecnologia, ed una maggiore accessibilità della stessa, possa diventare un valido strumento per avvicinare gli studenti anche in corsi di formazione a distanza.

3. Corsi basati sulla gamification

corsi di formazione in azienda basati su gamification

L’ultimo modo evidenziato dallo studio per impartire corsi di formazione in azienda è attraverso l’uso della gamification.

Con il termine gamification si intende un concetto basato sulla scienza comportamentale che ha come obiettivo aumentare il coinvolgimento e la motivazione degli individui per raggiungere obiettivi specifici attraverso un’esperienza come il gioco.

Dagli studi in ambito andragogico, ovvero la scienza che studia come apprendono gli adulti, sappiamo che un’esperienza motivante, ingaggiante e in generale piacevole è un presupposto fondamentale per l’apprendimento. 

Il 35% dei rispondenti dichiara di essere soddisfatto dalle caratteristiche di gamification nelle lezioni online. 

Inoltre, il 23% afferma di non avere elementi di gamification nelle proprie lezioni online, ma che sarebbe interessato a provarle. 

gamification usata per corsi di formazione

Il Dott. Bossi spiega che uno dei problemi più grandi quando si insegnano materie complesse è il ritardo nella ricezione di una ricompensa: il tempo che passa dall'inizio dell'apprendimento, al momento della ricompensa, ovvero il momento in cui uno studente ha internalizzato e può apprezzare i concetti, è direttamente proporzionale alla difficoltà dell'argomento. Questo fenomeno è ulteriormente accentuato dall'apprendimento online, dove gli studenti tendono ad essere più isolati e lontani dai docenti e i compagni che potrebbero aiutarli e supportarli.

Consiglio per le PMI:

Utilizzare metodi come la gamification per migliorare l’apprendimento in azienda permette di stimolare i dipendenti grazie all’introduzione di ricompense intermedie nei momenti più critici dell’apprendimento. 

Introdurre ricompense come premi, o creare delle classifiche a punti, aumenta il livello di ingaggio degli individui, portando a voler terminare i percorsi iniziati.

Come evolverà la formazione a seguito delle nuove tecnologie?

L’ambito della formazione gioca un ruolo estremamente importante; essendo il punto di partenza da cui ogni informazione viene impartita, deve essere il primo a rimanere al passo con la tecnologia. 

Bossi afferma che: “Sarà una formazione sempre più ricca di modalità e strumenti, in cui il ruolo chiave sarà giocato dalla capacità di chi progetta ed eroga di armonizzare le esperienze di formazione per aumentare qualità ed efficacia, allargando sempre più la platea di studenti e professionisti che vogliono e possono formarsi”.

È bene quindi che le aziende siano tra i primi esempi a semplificare questi processi, a migliorare l’esperienza di apprendimento per i propri impiegati così da formare talenti continuamente aggiornati. 

Vuoi saperne di più? Consulta il nostro catalogo di software di IA generativa per scoprire altri programmi.


Metodologia: 

Per raccogliere i dati di questo studio, Capterra ha condotto un sondaggio nell'agosto 2023. A tal fine è stato selezionato un campione di 1024 partecipanti. 

I criteri di selezione dei partecipanti sono:

  • Dipendenti a tempo pieno o parziale di età compresa tra i 18 e i 65 anni.
  • Devono avere accesso a corsi online sul posto di lavoro e utilizzarli come parte della loro formazione.

Il campione è rappresentativo della popolazione italiana.